Yunus Emre è uno dei più famosi poeti turchi religiosi sufi, vissuto nel terzo e quattordicesimo secolo, e la Yunus Emre Poesia era famosa in lingua turca , a differenza di quanto si conosceva a quel tempo nello scrivere poesie in persiano o arabo.

La poesia di Yunus Emre rimane popolare ancora oggi, circa 700 anni dopo la sua morte, scrisse la sua poesia nello stesso modo in cui parlava alle persone dell’Anatolia centrale e occidentale.

Yunus Emre Poesia esprime un profondo misticismo personale, umanità e amore per Dio. Era un contemporaneo di Mevlana Jalaluddin Rumi, che si stabilì nella stessa regione.

Yunus Emre ha viaggiato e insegnato tra i poveri delle campagne, ha cantato le sue canzoni in turco per il grande pubblico.

Prima poesia

Allah permea il mondo intero.
Tuttavia, la sua verità non è stata rivelata a nessuno.
Faresti meglio a cercarlo in te stesso.

L’altro mondo è fuori dalla vista.
Qui sulla Terra dobbiamo vivere rettamente.
L’esilio è agonia, dolore e rovina.
Nessuno torna una volta che se ne sono andati.

Dai, siamo amici per una volta,
rendiamoci la vita facile,
siamo amanti e cari, non
lasciare la terra a nessuno.

Per te, quello che dice Yunus è chiaro, cosa
significa nell’orecchio del tuo cuore:
Dobbiamo tutti vivere la bella vita qui,
perché nessuno continuerà a vivere qui.

Yunus Emre Poesia (seconda poesia)

Se strofino la faccia a terra, la mia
luna nuova sorgerà nel cielo, l’
inverno e l’estate diventeranno primavera.
Per me tutte le vacanze.

Non lasciare mai che una nuvola proietti
un’ombra sulla brillante luce lunare
che non deve mai essere oscurata:
dalla terra al cielo spruzzata da uno scintillio.

Dalla cellula solitaria del cuore
esce il suo splendore l’oscurità.
Come spremere questa
stessa depressione cellulare con raggi penetranti?

Vedo la mia luna qui sulla terra,
cosa farò con tutto il cielo?
La pioggia di misericordia si è riversata su di me
da questa terra dove fisso i miei sguardi.

E se Giona fosse amico di
molti che amavano Dio.
Anche Yunus china la testa
illuminata dall’amore di Dio

Yunus Emre Poesia terzo poeta

La conoscenza è conoscere La
conoscenza è conoscere te stesso.
Se non conosci te stesso, a
cosa serve questa conoscenza?

Cosa si intende per lettura?
la prima lettura è sapere la verità
da leggere perché non la sai

Non dire, sto leggendo e so
Non dire che ho fatto molti atti di obbedienza.
Se non conosci la verità,
sei venuto invano sulla terra

Il significato di quattro libri
in una certa lettera mille
se non conosci i mille

Che lettura!

Ventinove lettere
lette dall’inizio alla fine
Diresti mille, Maestro?
Cosa significa?

Yunus Emrah ti dice: “Maestro,
se necessario, esegui il pellegrinaggio mille volte”.

Ma se me lo chiedi

il pellegrinaggio al cuore è il migliore

Quarta poesia

Ascoltatemi, miei cari amici, l’
amore è come il sole.
Un cuore che non sente l’amore
è solo una pietra.

Cosa può crescere sui cuori di pietra?
Anche se la lingua inizia dolcemente, le
parole escono dal fumo velenoso e dalla rabbia
e presto si trasformano in guerra.

Quando è innamorato, l’anima brucia,
sciogliendosi come cera durante l’accensione.
I cuori di pietra sono come un
inverno oscuro e ruvido, con tutto il calore sparito.

Gli uomini che conoscono la verità di Dio sono un oceano, i
devoti devono annegare in quel mare;
Anche uomini saggi. Dovrebbero tuffarsi.
Per tirare fuori i migliori gioielli.

Ci siamo rivolti agli
Anziani per ritrovare le perle negli abissi;
Solo un gioielliere saprà
qual è il valore di quelle perle.

Muhammad è venuto a realizzare Dio e
ha visto la verità di Dio in se stesso.
La provvidenza è ovunque
finché ci sono occhi per vedere.

I libri sono organizzati da uomini saggi

Chi mette parole nere su pagine bianche;
I capitoli della mia Bibbia sono tutti
scritti in cuori che amano veramente.

Yunus Emre Poesia

Poesia di Yunus Emre Quinta poesia


Ho incontrato nazioni nelle tombe: i
potenti e i grandi giacevano lì,
tra loro quelli di straordinario coraggio.

Alcuni erano vecchi e altri giovani eroi:
ministri, insegnanti – vanno tutti;
I loro giorni sono ormai bloccati in preda alla notte,
qui giacciono con altri schiavi della morte.

Il percorso che hanno preso era sempre dritto.
Con la penna in mano, sapevano scrivere;
Le loro lingue, come gli usignoli, cantavano davvero.
Hanno seppellito persone sagge e coraggiose.

Tutto ciò che è caro e basso piangeva
quando questi eroici leader morirono;
Un arco spezzato in ogni tomba
gli uomini valorosi caddero come frecce vaganti.

I loro cavalli aprirono una nuvola di polvere, i
tamburini marciarono accanto a loro, battendo forte, la
loro forza aveva reso orgogliosi la terra e il mare;
I nobili maestri ora giacevano nelle caverne della morte

Yunus Emre poesia la sua sesta poesia

Siamo entrati nella casa della percezione,
abbiamo visto il corpo.

Il cielo vortica, la terra è multistrato,
settantamila veli,
abbiamo trovato il corpo.

Notte e giorno, i pianeti, le
parole scritte sulle sacre tavolette, la
collina che Mosè salì, il tempio, la
tromba di Israfil, abbiamo notato nel corpo.
La Torah, i Salmi, la Bibbia, il Corano:
ciò che questi libri
hanno da dire, lo troviamo nel corpo.

Tutti dicono che queste parole di Giona
sono corrette. La verità, ovunque tu voglia.
Abbiamo trovato tutto all’interno del corpo.

Le poesie di Yunus, la sua settima poesia

Diciamo sempre il nome di Allah.
Vediamo cosa fa il mio Signore.
Percorriamo sempre la strada.
Vediamo cosa fa il mio Signore.

Proprio quando meno te lo aspetti,
all’improvviso il velo si solleva.
Il trattamento arriva in tempo.
Vediamo cosa fa il mio Signore.

Cosa ha fatto Yunus?
cosa ha fatto?
Trovando un percorso rettilineo,
prese la mano di una guida.
Vediamo cosa fa il mio Signore.

Yunus scrive la sua ottava poesia

Lascia che i sordi ascoltino il silenzio.
L’anima ha bisogno di capirlo.

Senza ascoltare abbiamo capito.
Senza capire ce l’abbiamo fatta.

In questo modo, la ricchezza del ricercatore è la povertà.

Ci siamo amati, siamo diventati amanti.
Siamo stati amati, siamo diventati gli amati.
Quando muori momento per momento
chi ha il tempo di annoiarsi?

Dio ha diviso i popoli in 72 lingue e sono emersi i confini.

Ma il povero Giona riempie la terra e il cielo e
nasconde sotto di sé ogni pietra Mosè.

Yunus il Derviscio scrive la nona poesia

Le nostre leggi differiscono da altre leggi.
La nostra religione non ha eguali.

Le nostre leggi differiscono da settantadue sette.
Siamo guidati da vari segni,
in questo mondo e nell’aldilà.

Senza purificazione delle acque visibili,
senza movimento di mani, piedi o testa
adoriamo

Sia nella Kaaba, nella moschea o nella preghiera rituale,
ogni persona porta la propria malattia.

Quali segni indicano chi? Nessuno lo sa davvero.
Domani diventerà chiaro chi ha rinunciato alla religione.

Yunus, rinnova la tua anima, ricorda come amico,
conosci questo potere. Ascolta le orecchie dell’amore.

Yunus poesia la decima poesia

La bevanda viene dalla verità, l’abbiamo
bevuta, Allah-u-Akbar.
E abbiamo navigato sull’oceano della forza, e possa
Allah-u-Akbar.

Oltre quelle colline e foreste di querce,
oltre quei vigneti e giardini,
siamo passati con salute e gioia, Allah-u-Akbar.

Siamo stati asciutti, ma siamo bagnati.
Le ali sono cresciute e sono diventate uccelli,
ci siamo sposati e abbiamo volato.

Allah-u-Akbar

In quale terra siamo venuti,
in tutti i cuori, in tutta l’umanità,
abbiamo piantato i significati di Tabuk, che ci ha insegnato, e possa
Allah-u-Akbar.

Vieni qui, facciamo pace,
non siamo estranei l’uno all’altro.
Abbiamo portato
e addestrato il cavallo, Allah-u-Akbar.

Siamo diventati un paese che è cresciuto in un fiume.
Ce ne andammo e viaggiammo nel mare,
poi allagammo, Allah-u-Akbar.

Siamo diventati servi alla porta di Tabituk.
Yonis al-Faqir (il povero), il crudo, insapore,
è finalmente cotto, Allah-u-Akbar.

Categorie: Cultura

Abdullah Habib

The Founder of Turkpidya, an Egyptian student from mixed Turkish descent. A multilingual man passionate about Turkey and writing. A material scientist and engineer.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *