Foods in Kazakhstan 20

Gli alimenti più popolari in Kazakistan: tutto quello che devi sapere

  • Ultima modifica dell'articolo:Novembre 18, 2023
  • Tempo di lettura:12 minuti di lettura
  • Categoria dell'articolo:Kazakistan

Questo articolo contiene tutto ciò che devi sapere sui cibi più popolari in Kazakistan. La cucina nazionale kazaka è una tradizione culinaria secolare. La dieta quotidiana dei nomadi è estremamente benefica per la salute ed esemplifica l’ospitalità e la varietà kazaka.

Il passaggio dall’inverno alla primavera e molto altro determina il menu culinario, le tecnologie della sua preparazione (essiccazione, salatura, cottura a vapore, frittura) (essiccazione, salatura, cottura a vapore, frittura). Dopo un lungo inverno, alcuni cibi vengono preparati appositamente per la primavera e l’autunno. Continua a leggere per saperne di più su questi deliziosi piatti kazaki.

Alimenti in Kazakistan

A proposito della cucina kazaka

Quando si pensa alla cucina kazaka la prima cosa che viene in mente è la carne. Il cibo a base di carne è molto importante per lo sviluppo del popolo kazako. A causa dell’allevamento nomade, la carne rappresenta l’80% del menu kazako, mentre i raccolti di grano rappresentano il resto, grazie all’agricoltura ben sviluppata nelle regioni meridionali. I kazaki cucinavano con carne di montone e di cavallo; la carne bovina veniva utilizzata raramente perché la mucca non era ben adattata alla vita nomade. Anche la carne di pollame viene utilizzata raramente. La carne di cavallo è la portata principale perché ha proprietà nutritive uniche.

I cibi più popolari in Kazakistan

1. Kurt

Il Kurt è una pallina di formaggio fermentato e indurito, emblematico della cucina nomade kazaka. È uno dei tanti latticini fermentati che i nomadi dell’Asia centrale producono fin dal Medioevo per creare una durevole fonte di sostentamento.

Prima dell’essiccazione al sole, il latte di pecora, cavalla, mucca, capra o cammello viene filtrato in una cagliata morbida e formato in palline o dischi. Questo produce uno spuntino portatile e ricco di calcio che può resistere a più stagioni e lunghi viaggi.

2. Shubat

È una bevanda a base di latte di cammello fermentato. È una bevanda turca popolare in tutta l’Asia centrale, in particolare in Turkmenistan (chal) e Kazakistan, dove è una bevanda estiva base.

Per prepararlo, versa il latte fresco di cammello e un antipasto in una borsa da vino in pelle o in un barattolo di ceramica. Si lascia fermentare per alcuni giorni, dopodiché il latte inacidito viene mescolato delicatamente finché non diventa denso e liscio.

3. Kumis

Kumis (scritto anche koumiss o kumys) è una bevanda a base di latte di giumenta fermentato popolare in Kazakistan. Ha fornito ristoro e sostentamento ai nomadi turchi e mongoli per innumerevoli secoli.

C’è abbondanza di zucchero e lattosio nel latte di cavalla. Ha un forte effetto lassativo se consumato fresco, ma il suo alto contenuto di zucchero lo rende facile da fermentare. Il latte fresco di cavalla veniva conservato in tini finché non si acidificava e produceva alcol gassato. I nomadi trasportavano quindi il liquido in sacchi di cuoio, dandogli di tanto in tanto un pugno per mantenere agitato il kumis.

Il kumis è stato storicamente un’importante bevanda culturale per i nomadi dell’Asia centrale. All’inizio e alla fine di ogni stagione di mungitura, era consuetudine che i nomadi invitassero parenti e amici per il kumis. Si sono scambiati benedizioni e auguri condividendo il primo e l’ultimo kumis della stagione.

Come lo shubat, il kumis è noto per i suoi numerosi benefici per la salute. È benefico per il sistema digestivo e nervoso e si ritiene che prevenga la tubercolosi. Perfino le madri davano ai loro bambini una versione di kumis a basso contenuto di alcol ma non priva di alcol.

La gradazione alcolica del kumis era più alta, ma le versioni moderne contengono solo circa il 2% di alcol. Nelle aree urbane, i kumis sono tipicamente preparati con latte di mucca fortificato, mentre nelle zone rurali viene ancora utilizzato il latte di giumenta.

4. Shalap

Shalap è una bevanda fermentata a base di acqua, sale e yogurt (qatiq) o kurt. Tradizionalmente, per preparare lo shalap veniva utilizzata acqua naturale, ma nelle preparazioni moderne viene spesso utilizzata acqua gassata.

Lo shalap è ampiamente consumato anche in Kirghizistan e Uzbekistan (chalap) (chalob). Occasionalmente può essere preparato con erbe aromatiche, conferendogli l’aspetto di una zuppa fredda, anche se questo è raro. Come lo shubat, questa bevanda estiva popolare e rinfrescante è stata descritta come piacevolmente salata, acida e affumicata. Alcuni occidentali potrebbero acquisirne il gusto nel tempo.

5. Tandyr Nan

Il tandyr nan è un tipo di pane popolare in Kazakistan e in altre nazioni dell’Asia centrale. È essenzialmente una versione dell’Asia centrale del pane naan (tandoor) cotto al tandyr. È conosciuto con una varietà di nomi, tra cui tandir non, tonur non, patyr nan e lepyoshka, a seconda della sua origine e del metodo di preparazione.

Il Tandyr nan, che ha all’incirca le dimensioni di un piatto piano, è caratterizzato dal bordo rialzato e dal centro rientrato. Può essere servito semplice, condito con un uovo in camicia o spolverato con semi di sesamo o nigella. In genere, le varietà semplici o con semi vengono consumate a colazione, mentre le varietà più pesanti vengono abbinate a insalate e piatti di carne a pranzo e cena. I ristoranti kazaki possono offrire il damdy nan, una versione più piccola e più decorativa.

6. Shelpek

Lo Shelpek è una focaccia dell’Asia centrale popolare in tutta la regione. Farina, latte, panna acida, burro, bicarbonato di sodio, zucchero e sale vengono uniti per formare l’impasto. L’impasto viene modellato in palline e arrotolato in dischi prima di essere fritto in olio vegetale caldo fino a doratura.

Il venerdì, il giorno più sacro della settimana per l’Islam, il Kazakistan distribuisce tradizionalmente sette o più shelpek. Vengono donati ad amici e vicini, lasciati nelle moschee o santificati attraverso la lettura del Corano. Numerose nazionalità turche osservano questa pratica di commemorazione.

7.Baursak

I Baursak (o boorsog) sono pezzi gonfi e fritti di pane kazako. Sono essenzialmente ciambelle originarie dell’Asia centrale fatte con farina, lievito, uova, margarina, latte, acqua, zucchero, sale e olio vegetale. Tipicamente serviti con il tè e consumati come dessert con zucchero, miele o burro, hanno la forma di triangoli o sfere e vengono serviti con il tè.

Per quanto deliziosi possano sembrare, i baursak non sono un tipico piatto kazako. In genere è riservato ad eventi speciali come matrimoni e funerali. Secondo la leggenda, l’aroma dell’olio per friggere e del baursak sale al cielo affinché i tuoi cari defunti possano gustarli con te.

8. Manti

Alimenti in Kazakistan

Il manti è un tipo popolare di ravioli nella cucina turca. È molto apprezzato in Asia centrale, nel Caucaso meridionale, nei Balcani e in altre regioni.

I manti variano in dimensioni e forma a seconda della regione, ma sono tipicamente realizzati con un misto di carne speziata, tipicamente agnello o manzo macinato, avvolto in una pasta sottile e bollito o al vapore. Assomigliano all’aspetto del buuz mongolo, del baozi e jiaozi cinesi, del momo tibetano e del mandu coreano.

Le origini esatte del manti sono sconosciute, ma la teoria più plausibile è che abbia avuto origine nei territori dell’Impero Mongolo. Altri credono che abbia avuto origine nel Medio Oriente, mentre altri lo attribuiscono al popolo uiguro della Cina nordoccidentale.

Il manti è tipicamente ripieno di carne macinata di agnello in Kazakistan e Kirghizistan, ma può anche essere ripieno di carne di manzo o di cavallo. Tipicamente la zucca o zucchina viene abbinata a carne macinata e condita con pepe nero. Viene tipicamente cosparso di polvere di peperoncino piccante e servito con burro, panna acida e salsa di cipolla o aglio quando viene venduto come cibo da strada.

9. Plov

Il plov (o palau) è la versione centroasiatica del pilaf, un piatto di riso cotto nel brodo con agnello, cipolle e carote, tra gli altri ingredienti. Tipicamente, viene preparato in un kazan come pasto in famiglia o quando si serve un gran numero di ospiti.

10. Kuurdak

Il tradizionale Kuurdak dell’Asia centrale è composto da carne arrostita o fritta, frattaglie, cipolle, aglio e patate. Originario del Kirghizistan, è ampiamente consumato in tutta la regione con una varietà di nomi, tra cui qyrdaq, gowurdak, qovurdoq e qordaq.

A seconda della sua origine, il kuurdak può essere preparato con una varietà di carni. In Kirghizistan, è tipicamente preparato con agnello o manzo, mentre in Kazakistan vengono tipicamente utilizzate frattaglie di pecora come fegato, cuore, reni e polmoni. In genere viene preparato subito dopo la macellazione della pecora.

11. Beshbarmak

Il piatto nazionale del Kazakistan è il beshbarmak. È composto da carne bollita, sfoglie sottili e una salsa a base di cipolle, brodo di manzo, sale e pepe. Il cavallo e l’agnello sono le carni più comuni, ma si può utilizzare anche il manzo.

Il Beshbarmak è uno dei cibi kazaki più importanti per la loro cultura. Anche il modo in cui viene servito è regolato da un rito (ustukan). Quando un animale viene macellato in onore di un ospite, i vari tagli di carne vengono serviti in base all’età, al sesso e alla posizione sociale. Agli anziani e agli ospiti illustri vengono sempre serviti i tagli di carne più pregiati.

Ad esempio, il femore (jambash) viene dato agli uomini più anziani, mentre il coccige viene dato alle donne più anziane e venerate (kuiruk o kuymulchak). La massaia riserva le ossa più piccole per la nuora. I bambini ricevono la spina dorsale dell’animale, mentre gli adolescenti ricevono le gambe e le spalle dell’animale (omurtka).

Una delle parti migliori dell’animale, la testa (bash) viene donata all’ospite d’onore o al maschio più anziano o più giovane perché la tagli e la distribuisca agli altri. Secondo la tradizione vengono divise anche altre parti di animali, come le tibie, il femore e le costole.

Il Beshbarmak è il piatto nazionale del Kazakistan e del Kirghizistan, nonché uno dei preferiti della regione. È anche conosciuto come khorkhog, naryn, turama, dograma e tullama. Beshbarmak si traduce letteralmente in “cinque dita”, alludendo al fatto che i nomadi mangiavano il piatto con le mani.

12. Kazy

Kazy (o qazi) è una salsiccia di carne di cavallo popolare nelle nazioni dell’Asia centrale tra cui Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan. Tradizionalmente, è fatto con la carne e il grasso delle costole di una creatura.

Per prepararle, le costole del cavallo vengono appese per diverse ore con la carne ancora attaccata. La carne viene condita con aglio, pepe e sale prima di essere insaccata negli intestini puliti e salati dell’animale. Le salsicce vengono poi affumicate per diverse ore oppure essiccate alla luce diretta del sole e al vento per una settimana.

Prima di servire, Kazy viene bollito e tagliato a fettine sottili. Può essere servito freddo come antipasto o miscelato con altri piatti kazaki come il beshbarabak.