Agricoltura in Turchia

L’agricoltura in Turchia è uno dei più importanti affluenti economici che contribuiscono fortemente alla crescita dell’economia turca, poiché il settore agricolo rappresenta circa 50 miliardi di dollari.

La Turchia è ai primi posti in termini di produzione agricola per ettaro e il governo offre molte opportunità e sostegno finanziario all’agricoltura.

Nella seguente relazione, rispondiamo alle domande più importanti sulle colture agricole in Turchia, regioni agricole, oltre a importanti statistiche sul settore agricolo in Turchia.

Agricoltura in Turchia

Fattori importanti che influenzano l’agricoltura in Turchia

Forza lavoro professionale con tassi di lavoro competitivi inferiori del 70-80% rispetto all’Europa.

Fasce demografiche fiorenti e classe media pronta a consumare molto.

Supporto del governo e un ampio programma di incentivi.

Logistica e infrastrutture ben sviluppate.

Una posizione geografica distinta vicino ai mercati europeo, mediorientale e russo.

Enormi investimenti governativi nell’irrigazione e nell’agricoltura, oltre ai miglioramenti delle infrastrutture.

Molte  banche in Turchia concedono prestiti e incentivi agli investitori in agricoltura.

Opportunità di esportazione grazie alla vicinanza a molti mercati che necessitano di prodotti agricoli.

Investimenti agricoli in Turchia

Statistiche importanti sull’agricoltura in Turchia

L’agricoltura in Turchia ha un ruolo importante nell’attività economica in Turchia, poiché l’area totale dei terreni agricoli coltivabili è di 23,2 milioni di ettari, le esportazioni raggiungono circa $ 18 miliardi, mentre le importazioni sono circa $ 13 miliardi, con un surplus commerciale totale di $ 5 miliardi.

Il settore agricolo in Turchia impiega circa 5,3 milioni di lavoratori e il PIL del settore agricolo raggiunge circa $ 50 miliardi.

Il reddito agricolo in Turchia è aumentato del 77,7% tra il 2002 e il 2018.

Agricoltura in Turchia

Prodotti agricoli della Turchia

Le colture coltivate in Turchia variano tra cereali, frutta, verdura e piante medicinali e aromatiche.

Colture di cereali coltivate in Turchia

La produzione di cereali in Turchia aumenta notevolmente, a causa del clima adatto, oltre all’uso di una tecnologia agricola appropriata e allo sviluppo di moderni tipi di semi.

I cereali coltivati ​​in Turchia variano tra grano, orzo, avena, mais e riso.

Grano

Il grano è uno dei prodotti agricoli più importanti in Turchia che viene utilizzato a livello nazionale ed esportato all’estero.

Il grano viene coltivato principalmente nella regione dell’Anatolia centrale della Turchia. L’agricoltura è diffusa anche nelle regioni di Marmara, nel Mediterraneo e nell’Anatolia sud-orientale. La raccolta del grano coltivato nella regione mediterranea avviene a maggio, mentre la raccolta avviene a luglio per l’Anatolia centrale e ad agosto nell’Anatolia orientale.

La Turchia è uno dei maggiori produttori di grano e farina al mondo, con una produzione totale nel 2019 che raggiunge circa 20 milioni di tonnellate di grano.

Coltivazione di grano in Turchia

Orzo

L’orzo cresce in un periodo di tempo più breve del grano, il che spinge molti agricoltori e investitori a coltivarlo al posto del grano, poiché la Turchia ha prodotto, secondo le ultime statistiche nel 2020, circa 7 milioni di tonnellate di orzo, per essere uno dei maggiori produttori paesi del mondo.

L’orzo è prodotto in Anatolia centrale e l’altezza della pianta varia da 35 a 100 cm. Viene utilizzato nei prodotti alimentari, nelle bevande e nei mangimi per animali.

Coltivazione dell'orzo in Turchia

Segale e avena

La Turchia è al settimo posto al mondo nella coltivazione dell’avena e l’avena coltivata è utilizzata nell’industria alimentare e può essere coltivata in luoghi freddi e alti della Turchia.

Mais

La Turchia produce circa 6 milioni di tonnellate di mais all’anno. La produzione di mais viene coltivata naturalmente nelle regioni del Mar Nero e di Marmara e in altre regioni, in particolare l’Anatolia centrale, attraverso l’irrigazione.

Negli ultimi anni gli stati della regione mediterranea hanno iniziato ad espandere la produzione di mais.

Coltivazione di mais in Turchia

Riso

Il riso è prodotto in Turchia negli stati di Samsun, Sinop, Çorum, Çankırı, Bursa, Balıkesir, Çanakkale, Tekirdağ, Edirne e Kirklareli.

La produzione di riso della Turchia è di circa 550 mila tonnellate all’anno, mentre il consumo raggiunge circa 750 mila tonnellate e, di conseguenza, la Turchia importa circa un quarto di milione di tonnellate di riso all’anno.

Colture industriali coltivate in Turchia

Le colture industriali sono una delle colture agricole più importanti in Turchia, che non vengono utilizzate direttamente dopo la loro produzione e raccolta, poiché devono essere lavorate in diversi impianti industriali.

Le colture industriali in Turchia vanno da tè, tabacco, cotone, girasole, barbabietola da zucchero, lino, hashish per scopi medicinali e papavero.

Tabacco

La coltivazione del tabacco viene effettuata in Turchia con il permesso legale dello Stato, poiché coltivare tabacco in Turchia senza permesso è illegale e punibile.

È prodotto in diverse regioni a seconda del clima e delle condizioni del suolo in Turchia, dove i seguenti stati producono tabacco in Turchia:

Manisa, Izmir, Denizli, Aydin, Ushak, Mugla, Balikesir, Bursa, Samsun, Bitlis, Muş, Malatya, Adiyaman, Hatay.

Il tabacco ha bisogno di umidità e temperatura durante il suo periodo di crescita. Viene utilizzato come materia prima nelle industrie di sigarette, sigari e chimiche. man mano che il tabacco viene essiccato e stagionato.

Coltivazione del tabacco in Turchia

cotone

Il cotone richiede molta acqua durante il periodo di crescita, poiché il cotone cresce più facilmente nei terreni alluvionali. è prodotto principalmente nell’estremo sud-est dell’Anatolia. Le fibre, i semi e la polpa estratti dal cotone sono utilizzati nelle attività industriali. L’olio è prodotto dalla polpa di cotone in Turchia.

La produzione di cotone della Turchia, secondo le ultime statistiche, è di circa 750.000 tonnellate all’anno.

Barbabietola da zucchero

La Turchia è uno dei maggiori produttori di barbabietola da zucchero al mondo, essendo al quinto posto tra i paesi produttori di barbabietole.

La barbabietola da zucchero è prodotta nella maggior parte delle regioni dell’Anatolia centrale in Turchia e viene coltivata anche nelle regioni dell’Anatolia occidentale interna, del Mar Nero centrale e occidentale, delle regioni di Marmara e dell’Anatolia orientale.

La produzione turca di barbabietola da zucchero, secondo le ultime statistiche, è di circa 2 milioni e 250mila tonnellate all’anno.

Barbabietola da zucchero in crescita in Turchia

Il tè è un prodotto molto famoso per l’agricoltura in Turchia poiché si trova nelle città di Rize, Trabzon, Giresun e Artvin, sul Mar Nero orientale. Le foglie di tè vengono fermentate (essiccate) nelle fabbriche della città di Rize.

La Turchia ha guadagnato slancio negli anni Quaranta del secolo scorso dopo la produzione e l’esportazione di tè turco in vari paesi del mondo, famoso per la sua alta qualità e popolarità.

La produzione turca di tè, secondo le ultime statistiche, è di circa 200mila tonnellate all’anno.

Coltivazione del tè in Turchia

Papavero

I papaveri vengono coltivati ​​nelle calde estati e nelle regioni con piogge moderate e la loro coltivazione richiede un permesso da parte dello Stato.

Il farmaco chiamato oppio è ottenuto da una capsula di papavero, l’olio dai suoi semi e il foraggio animale dalla sua polpa.

Il papavero è prodotto in Turchia da molti anni, con il 90% del papavero prodotto per scopi medicinali che viene esportato.

Canapa “erbaccia”

La coltivazione della cannabis in Turchia richiede un permesso da parte dello Stato oltre a controlli periodici per garantire che la canapa non venga utilizzata illegalmente.

La canapa è prodotta in Turchia negli stati di Sinop, Kastamonu e Zonguldak oltre a Sakarya, per scopi medici.

Colture oleaginose coltivate in Turchia

In Turchia vengono prodotte molte colture oleaginose, le più importanti delle quali sono olive, girasole, soia, arachidi, anice, rosa e sesamo.

Olive

Le olive in Turchia sono generalmente prodotte nella regione dell’Egeo, a sud di Marmara, e anche le coste del Mediterraneo e Kilis sono luoghi in cui l’olivicoltura è diffusa.

Con il crescente interesse per una vita sana e l’alimentazione nel mondo negli ultimi anni, l’importanza della produzione e del consumo di olio d’oliva è aumentata.

La produzione di olive della Turchia, secondo le ultime statistiche, è di circa 160.000 tonnellate all’anno e gli ulivi in ​​Turchia danno un’elevata produzione agricola di circa 27 chilogrammi per albero all’anno.

Olivicoltura in Turchia

Girasole

La coltivazione del girasole in Turchia richiede precipitazioni durante il periodo di crescita oltre a condizioni climatiche calde durante il periodo di maturazione.

L’olio di girasole in Turchia è uno dei prodotti agricoli più utilizzati in Turchia. Il 70% della produzione di girasole è prodotto nelle province di Edirne, Tekirdag, Kırklareli, Bursa e Balıkesir.

L’Anatolia centrale e la regione del Mar Nero centrale sono altre regioni in cui vengono prodotti i girasoli.

La produzione turca di girasoli, secondo le ultime statistiche, è di circa 2 milioni di tonnellate all’anno.

Coltivazione di girasole in Turchia

Semi di soia

A causa del breve periodo di coltivazione della soia, viene coltivata come sottoprodotto nelle coste di Cukurova, nella pianura di Antalya e nel Mar Egeo, e viene coltivata anche nella regione del Mar Nero centrale e orientale.

Arachidi e sesamo

Le arachidi crescono in terreni sciolti per climi caldi e umidi. È utilizzato in tutte le industrie della frutta secca e dell’olio.

Circa il 90% della produzione di arachidi della Turchia viene coltivata nella regione mediterranea.

Gli stati di Osmaniye e Adana sono tra gli stati di spicco nella coltivazione delle arachidi.

Il sesamo è prodotto principalmente in Marmara, Egeo, Mediterraneo e Anatolia sud-orientale. Mentre l’olio è ottenuto dai semi di sesamo, è anche usato per preparare tahini, torte, biscotti e pane.

Legumi coltivati ​​in Turchia

La Turchia è famosa per la produzione di molti legumi, in particolare fagioli, fagioli, ceci, lenticchie e piselli. La Turchia ha guadagnato slancio con la produzione di legumi dagli anni ’80.

Lenticchie

Poiché le lenticchie sono ricche di proteine, vengono consumate in proporzione elevata in Turchia.

La produzione di lenticchie in Turchia è suddivisa in lenticchie verdi e lenticchie rosse, poiché le lenticchie rosse vengono coltivate in Turchia nella regione dell’Anatolia sud-orientale, mentre le lenticchie verdi vengono coltivate nell’Anatolia centrale.

La Turchia è il terzo paese più grande al mondo nella produzione di lenticchie

La produzione agricola turca di lenticchie, secondo le ultime statistiche, è di circa 480mila tonnellate all’anno.

Coltivazione di lenticchie in Turchia

Ceci

I ceci vengono coltivati ​​in Turchia nelle regioni dell’Anatolia centrale, del Mar Egeo e dell’Anatolia sud-orientale.

La produzione agricola turca di ceci, secondo le ultime statistiche, è di circa 500mila tonnellate all’anno, e la produttività di ogni ettaro è di circa 120 chilogrammi.

Fagioli

Le fave vengono coltivate in zone non più alte di 1500 metri e possono essere annaffiate nel periodo estivo. I fagioli sono anche conosciuti come ortaggi da clima caldo. L’abbassamento della temperatura di due o tre gradi nelle zone in cui viene coltivato è dannoso per i fagioli.

I fagioli vengono coltivati ​​nella regione costiera della Turchia e lungo i fiumi.

Frutta coltivata in Turchia

I frutti coltivati ​​in Turchia variano tra nocciole e fichi, agrumi, noci, uva, mele, fichi, albicocche e kiwi oltre a molti altri frutti.

Pistacchi

La Turchia è famosa per la coltivazione dei migliori tipi di pistacchi negli stati di Gaziantep, Sirt e Şanlıurfa, dove la Turchia è considerata uno dei più importanti produttori di pistacchi al mondo, poiché il numero di alberi di pistacchio in Turchia è di circa 40 milioni di alberi .

Nocciola

Le nocciole sono uno dei prodotti agricoli più importanti in Turchia, poiché la Turchia è il più grande produttore di nocciole al mondo, su 10 nocciole consumate 8 di esse sono state coltivate in Turchia.

È una delle colture agricole più importanti in Turchia, poiché circa 4 milioni di persone sono collegate alla coltivazione della nocciola, direttamente e indirettamente. L’area di piantagione in Turchia è di circa 500-600 mila ettari.

Le nocciole crescono nelle regioni fredde con forti piogge. La temperatura invernale oscilla tra i 5 ei 6 gradi, mentre la temperatura estiva oscilla tra i 20 ei 25 gradi. Cresce fino a un’altezza compresa tra 0 e 500 metri. Viene coltivato principalmente nelle regioni centrali e orientali delle regioni costiere del Mar Nero in Turchia. In queste regioni, la produzione di nocciole viene influenzata negativamente quando la temperatura invernale scende sotto lo zero.

Coltivazione di nocciole in Turchia

Agrumi

Gli agrumi coltivati ​​in Turchia sono mandarini, arance, pompelmi e limoni. Può essere coltivato, in luoghi dove la temperatura invernale non scende sotto gli zero gradi Celsius.

È famoso per le regioni costiere del Mediterraneo e dell’Egeo. Con la sua altissima produzione di agrumi, oltre alle città di Mersin, Adana, Antalya e Hatay.

Figura

La Turchia è uno dei maggiori produttori mondiali di fichi, poiché viene coltivato sulla costa dell’Egeo.

I fichi vengono coltivati ​​principalmente nelle città di Izmir e Aydin, perché i fichi necessitano di una temperatura elevata non inferiore a 0 gradi Celsius in inverno.

Mele

La maggior parte della produzione di mele della Turchia viene coltivata nella regione dell’Anatolia interna della Turchia. A livello cittadino, la produzione a Niğde, Nevşehir e Konya è elevata.

La città di Amasya nella regione del Mar Nero centrale è prominente nella produzione di mele, alcune mele coltivate vengono esportate.

Noce

La coltivazione del noce in Turchia è diffusa nella regione dell’Anatolia occidentale, dove la Turchia è al quarto posto tra i paesi più produttori di noci al mondo.

Nel 2019 la Turchia ha prodotto circa 225mila tonnellate di noci. La più grande produzione di noci era nello stato di Hakkari, a circa 12mila tonnellate. Dopo Hakari, Kahramanmaraş è seguito da 11,4 mila tonnellate e Mercenelles con 11 mila tonnellate.

Peache

Il frutto della pesca è uno dei frutti più importanti coltivati ​​in Turchia e Bursa è famosa per la coltivazione di pesche di alta qualità.

Verdure coltivate in Turchia

La Turchia coltiva molte verdure, le più importanti delle quali sono pomodori, peperoni, cetrioli e zucchine, oltre a patate, aglio e cipolle.

La regione dell’Anatolia centrale è una delle regioni più importanti per la produzione e la coltivazione di ortaggi in Turchia.

La Turchia è famosa per la produzione di pomodori, gran parte dei quali viene esportata all’estero, soprattutto in Russia.

Regioni agricole in Turchia

L’agricoltura in Turchia varia a seconda della regione, poiché è divisa tra la regione di Marmara, la regione dell’Egeo, la regione del Mediterraneo, la regione dell’Anatolia centrale, la regione del Mar Nero, la regione dell’Anatolia orientale e la regione dell’Anatolia sud-orientale.

Agricoltura nella regione dell’Anatolia orientale

A causa dell’aspra topografia della regione dell’Anatolia orientale in Turchia, oltre all’altezza sul livello del mare, alla breve estate e al lungo inverno, l’agricoltura è limitata alle sole pianure tra le montagne.

Il bestiame si è sviluppato come alternativa all’agricoltura nell’Anatolia orientale, dove la popolazione locale alleva pecore e bovini.

Agricoltura in Anatolia centrale

I raccolti di grano, orzo, mais, girasole, barbabietola da zucchero, aglio, cipolle, ciliegie e patate sono famosi per la coltivazione nell’Anatolia centrale, ed  Eskişehir, la capitale, Ankara, Çorum, Konya, Çankarı, Niğde e molti altri stati sono famoso per l’agricoltura in Anatolia centrale.

Agricoltura nella regione dell’Egeo e del Mediterraneo

La regione dell’Egeo e del Mar Mediterraneo è famosa per essere una delle aree agricole più importanti della Turchia a causa del clima mite in inverno, dove vengono coltivati ​​tutti i tipi di frutta e verdura, come grano, orzo, tabacco, papavero e cotone, oltre a noci, uva, olive e agrumi.

Agricoltura nella regione di Marmara

Le colture coltivate nell’Anatolia occidentale variano da ortaggi come pomodori, cetrioli e zucchine alla frutta, comprese ciliegie e uva, e vengono considerati gli stati di  Bilecik  , Balkasir, Bursa, Chanakkala, Istanbul e Kriklari.

Agricoltura nella regione del Mar Nero

La regione del Mar Nero in Turchia produce molti prodotti agricoli in Turchia, i più importanti dei quali sono il tè a Rize, nocciole e verdure, oltre a vari frutti.

Agricoltura in Turchia

Sostegno governativo all’agricoltura in Turchia

Il governo turco offre molti incentivi agli investitori turchi e stranieri per aiutare con l’agricoltura in Turchia, il più importante dei quali sono gli incentivi finanziari sotto forma di pagamenti ai produttori.

Lo stato fornisce sostegno ai produttori che utilizzano piantine autorizzate e il governo turco stabilisce anche una serie di condizioni per la concessione di sussidi che devono essere soddisfatte prima di ottenere i pagamenti.

La Ziraat Bank  è responsabile del sostegno e del finanziamento degli agricoltori turchi, oltre a molte altre banche governative.

Quali sono i prodotti più importanti dell’agricoltura in Turchia?

Nocciole, pistacchi, grano, orzo e pomodori sono i più importanti prodotti agricoli turchi.

Cosa distingue l’ Agricoltura in Turchia?

L’agricoltura in Turchia è caratterizzata dalla diversità delle colture e dalla fertilità delle terre, poiché è possibile coltivare molti prodotti diversi in diverse regioni a causa delle diverse regioni climatiche della Turchia.