Jerusalem Under Ottoman Rule

Gerusalemme ottomana: la mia ricerca storica

  • Ultima modifica dell'articolo:Ottobre 14, 2023
  • Tempo di lettura:21 minuti di lettura
  • Categoria dell'articolo:Storia

Per quasi 400 anni tra il 1517 e il 1917, con una breve interruzione negli anni ’30 dell’Ottocento, l’Impero Ottomano governò su Gerusalemme, modellando la città attraverso l’architettura, le politiche governative e la vita quotidiana.

Ho cercato di rendere la mia ricerca quanto più completa possibile, coprendo diversi aspetti della vita sotto il dominio ottomano.

Gerusalemme sotto il dominio ottomano

introduzione

Essendo affascinato dalla storia , sono sempre stato incuriosito dal periodo ottomano a Gerusalemme. Sono Abdullah, un appassionato di storia ottomana. Recentemente ho deciso di fare ricerche su Gerusalemme sotto il dominio ottomano .

Studiando molti libri e cronache interessanti, ho scoperto che gli Ottomani hanno lasciato un’incredibile eredità a Gerusalemme durante i loro 400 anni di regno dal 1516 al 1917. Vorrei condividere alcuni punti salienti delle mie esplorazioni nella Gerusalemme ottomana.

Nella mia ricerca ho provato a rispondere alle seguenti domande:

  • Com’era la vita quotidiana nella Gerusalemme ottomana?
  • Cosa costruirono gli Ottomani a Gerusalemme?
  • Come erano i diritti dei non musulmani sotto il dominio ottomano?
  • Qual è il contributo dei sultani ottomani a Gerusalemme ?

E infine ho immaginato la vita delle persone sotto l’impero ottomano a Gerusalemme.

Gerusalemme sotto il dominio ottomano

Servizi pubblici, demografia ed economia nella Gerusalemme ottomana

Lo stato ottomano adottò misure per modernizzare Gerusalemme nel XIX secolo, gestendo al contempo la crescente influenza europea e i cambiamenti nella popolazione della città.

Servizi Comunali

Nel 1863 fu istituita la Municipalità di Gerusalemme . Si è concentrato sul miglioramento delle infrastrutture:

  • Servizi di pulizia, sistema fognario, pavimentazione stradale e illuminazione
  • Progetti paesaggistici come la piantumazione di alberi
  • Apertura dell’Ospedale Municipale nel 1891
  • Creazione di una forza di polizia nel 1886

Furono costruite anche istituzioni culturali come il Museo di Gerusalemme e il teatro turco, arabo e francese.

Cambiamenti della popolazione

La popolazione di Gerusalemme crebbe rapidamente nel 1800. Nel 1849 c’erano circa 11.700 residenti: 6.184 musulmani, 3.744 cristiani e 1.790 ebrei.

Nel 1870 il totale raggiunse le 20.000 persone. Nel 1890 superò i 40.000 , di cui gli ebrei diventarono il gruppo più numeroso.

Nel 1900, le stime suggeriscono che i residenti fossero 55.000 : 10.000 musulmani, 10.000 cristiani e 35.000 ebrei.

Condizioni economiche

Gerusalemme non era un importante centro commerciale, mancavano terreni agricoli e industrie. Ma le visite di pellegrinaggio sostenevano il commercio e l’artigianato.

  • Le industrie includevano il tessile, la concia, la produzione di sapone e la lavorazione dei metalli.
  • Le esportazioni sono andate in Egitto, Rodi e Dubrovnik. Le importazioni provenivano da Egitto, Siria, Istanbul , Iraq e Cina.
  • Il turismo e il pellegrinaggio generano vendite e domanda di souvenir. Nel 1800 nei mercati operavano oltre 700 artigiani.
  • Anche gli stipendi “Surre” da Istanbul e dall’Egitto sono stati importanti fonti di entrate.
Gerusalemme ottomana

Trasporti

I collegamenti di trasporto migliorarono nel 1800.

  • Il telegrafo raggiunse Gerusalemme nel 1865.
  • La strada Giaffa-Gerusalemme fu aperta nel 1868.
  • La ferrovia Giaffa-Gerusalemme iniziò a funzionare nel 1892.

Ciò ha favorito il turismo, il commercio e i collegamenti con l’estero.

Educazione e Cultura

  • Le scuole e le madrase diminuirono con l’indebolimento delle dotazioni religiose del “waqf” dopo il 1700.
  • Le logge e le zawiya sufi fornivano istruzione religiosa insieme alle madrase.
  • Come in tutto l’impero,  le moderne scuole governative e missionarie proliferarono dopo la metà del 1800.

Mappa ottomana di Gerusalemme nel 1861

In questa immagine puoi vedere una mappa ottomana di Gerusalemme nel 1861, che mostra l’interno della città e la periferia di Gerusalemme.

Un'antica mappa ottomana di Gerusalemme

Dominio ottomano a Gerusalemme: 1517-1917

Gerusalemme, sotto il dominio ottomano, visse un raro periodo di pace e tranquillità che durò per  più di 400 anni . Gli Ottomani gestirono e svilupparono la città durante questo periodo

1. Yavuz Sultan Selim (Selim I):

  • 1517: conquista di Gerusalemme da parte degli Ottomani.
  • Battaglia di Mercidabık; annessione di Damasco.
  • Visita al Masjid al-Aqsa e promessa di riforme economiche.
  • Accordo con il re di Spagna per consentire ai cristiani di visitare Gerusalemme dietro compenso.

2. Solimano il Magnifico: 1520-1566

  • Restauro e sviluppo del castello e delle mura di Gerusalemme.
  • Restauro e modifiche alla Masjid al-Aqsa.
  • Apertura di nuovi cancelli e rinnovo delle tegole della cupola Silsila.
  • Costruzione di una tekke a nome di sua moglie, Hürrem Sultan.
  • Metti in sicurezza la strada tra Gerusalemme e Giaffa affidandola alla tribù degli Ebigavsh.
Muro di Gerusalemme ottomano

Sultano Murad IV: 1623-1640

  • Periodo di attacchi da parte del generale francese Napoleone e disordini interni dovuti alla ribellione egiziana del Khedive Mehmet Pasha.
  • Costruzione di un castello sulla strada Gerusalemme El-Khalil per la sicurezza della città.
  • Il castello comprendeva una moschea e una caserma, servite da Dizdar e 40 soldati.

4. Sultano Abdulmecid: 1839-1861

  • Commissionato e finanziato il restauro della Moschea Al-Aqsa.
  • Crescita della popolazione ed espansione degli insediamenti fuori dalle mura di Gerusalemme a partire dal 1858.
Qubbat al-Silsilah

5. Sultano Abdulaziz: 1861-1876

  • Sviluppo significativo di Gerusalemme, compresa la costruzione di strade e bazar.
  • Lastricate di marmo le strade di Gerusalemme.
  • Ha speso 30.000 aks ottomani per la decorazione e il restauro di Masjid al-Aqsa e per la costruzione della moschea Omarî.
  • 1867: inizia una fase di notevole sviluppo.
  • 1892: Costruzione di una linea ferroviaria tra Gerusalemme e Giaffa.
  • 1909: Costruzione di una grande fortezza vicino alla Porta di Hebron e di una vicina fontana.
Un vicolo nella Gerusalemme ottomana

6. Sultano Abdulhamid II: 1876-1909

  • Sviluppo significativo delle infrastrutture della città.
  • Sviluppo e manutenzione delle strade cittadine.
  • Collegamento di Gerusalemme con La Mecca, Medina, Istanbul , Damasco e altre città tramite la stazione ferroviaria di Gerusalemme.
Stazione ferroviaria ottomana di Gerusalemme

Osservazioni

  • Yavuz Sultan Selim prese il controllo e avviò impegni diplomatici ed economici, ma morì prima di realizzare pienamente i suoi piani.
  • Solimano il Magnifico si concentrò sullo sviluppo architettonico e infrastrutturale, tanto da meritarsi il titolo di “secondo architetto di Gerusalemme”.
  • Il sultano Murad IV dovette affrontare minacce esterne ed interne, ma riuscì a mantenere il controllo ottomano su Gerusalemme.
  • Il sultano Abdülmecid avviò progetti di restauro e durante il suo regno la popolazione di Gerusalemme si espanse oltre le mura della città.
  • Il sultano Abdulaziz ha destinato risorse significative allo sviluppo e all’abbellimento della città e dei suoi monumenti religiosi.
  • Il sultano Abdülhamid II ha dato un notevole contributo alla connettività e alle infrastrutture della città.

Trasformare il paesaggio urbano

Gli Ottomani lasciarono il segno in modo drammatico nel paesaggio di Gerusalemme intraprendendo massicci progetti di costruzione.

Mura che fortificano la Città Santa

La costruzione ottomana più monumentale erano le mura iconiche di Gerusalemme. Solimano il Magnifico ordinò la costruzione dei bastioni di 5 km tra il 1536 e il 1540, richiedendo lavoro e risorse immensi. Oltre 2,5 km avvolgono la Città Vecchia, mentre i prolungamenti corrono verso sud e ovest.

Trentaquattro torri di guardia e sette porte punteggiano le mura color sabbia, che raggiungono fino a 12 m di altezza e 3 m di spessore in alcuni punti. Questa fortificazione ha protetto Gerusalemme per secoli.

Vista della città di Gerusalemme

Mecenatismo architettonico di prestigio

I successivi governanti ottomani sponsorizzarono magnifici edifici pubblici, religiosi e di beneficenza, soprattutto nel primo secolo di Gerusalemme sotto il dominio ottomano.

Hanno cercato di stabilire legittimità lasciando il segno attraverso l’architettura e i servizi. I monumenti caratteristici includevano:

  • La Fontana del Sultano Solimano (1527) forniva acqua ai residenti vicino al Monte del Tempio.
  • Il Külliye di Hürrem Sultan del 1551 offriva una moschea, una madrasa, una locanda, una cucina pubblica e altro ancora.
  • Numerose fontane più piccole, acquedotti, serbatoi e pozzi fornivano acqua in tutta la città.

Strutture civiche per il welfare

Con la crescita di Gerusalemme nel tardo periodo ottomano, le infrastrutture e i servizi aumentarono:

  • Il Consiglio Comunale fondato nel 1863 aggiunse strade, paesaggistica e servizi di pulizia.
  • Scuole, ospedali , polizia e vigili del fuoco fornirono servizi pubblici dal 1860 in poi.
  • L’ufficio postale, il telegrafo e il telefono collegavano Gerusalemme a livello globale dopo il 1850.

Governare un Sacro Mosaico

Gli Ottomani dovettero bilanciare fedi e pellegrini diversi quando governarono Gerusalemme.

Diritti e privilegi

Gli Ottomani organizzarono le fedi minoritarie in millets semi-autonomi . Le comunità ortodossa, armena ed ebraica elessero i propri leader e gestirono gli affari della comunità.

I privilegi includevano l’esenzione dal servizio militare in cambio di tasse. Le restrizioni limitavano la costruzione di chiese e il suono delle campane.

Gli ebrei pregano accanto al Muro del Pianto nella Gerusalemme ottomana

Gestire le relazioni multireligiose

Occasionali tensioni sono emerse tra le fedi, ma gli incidenti sono stati ridotti al minimo attraverso le politiche ottomane:

  • I soldati sorvegliavano le vie dei pellegrini per garantire la sicurezza.
  • A diversi gruppi cristiani sono stati concessi orari di culto separati presso la Chiesa del Santo Sepolcro per ridurre i conflitti.
  • Le autorità mediavano le controversie nei luoghi santi, come quando un firmano del XVIII secolo regolava l’accesso alla Tomba della Vergine Maria.
Hezekiahs Pool
Piscina di Ezechia o  Piscina del Patriarca , situata nel quartiere cristiano della Città Vecchia di Gerusalemme

Bilanciamento di poteri e influenze

I consolati europei aprirono a Gerusalemme a partire dal 1830, esercitando influenza sui loro protetti religiosi.

Le misure di centralizzazione ottomane miravano a controllare questa influenza straniera, come il governo diretto di Gerusalemme da Istanbul dopo il 1872.

German Emperor Wilhelm II Visiting Jerusalem 1
L’imperatore tedesco Guglielmo II in visita a Gerusalemme

Vita quotidiana per i gerosolimitani ottomani

Secondo le mie letture e ricerche, ho cercato di immaginare la vita quotidiana delle persone che vivevano sotto il dominio ottomano a Gerusalemme.

Questa parte è puramente immaginaria e qualsiasi somiglianza tra essa e la realtà è solo una coincidenza.


Giorno di Yusuf (musulmano):

Il mio nome è Yusuf. Mi sveglio prima dell’alba, proprio mentre il muezzin inizia il melodico richiamo alla preghiera dal minareto della moschea di Al-Aqsa. Dopo aver eseguito la salat e aver rotto il digiuno con la mia famiglia, mi faccio strada attraverso la Città Vecchia mentre i miei compagni musulmani si dirigono alla moschea per le preghiere del Fajr.

Mentre cammino verso il mio negozio, incontro una guardia ottomana che pattuglia le strade. La sua presenza scoraggia i piantagrane, consentendo a tutti di svolgere i propri affari in pace.

Nel mio negozio di tessuti nel vivace bazar, srotolo sete persiane colorate e cotoni egiziani. I miei primi clienti arrivano poco dopo: principalmente donne locali in cerca di tessuti per cucire nuovi vestiti e commercianti di altre città della Palestina che vengono a comprare l’inventario.

Più tardi nella mattinata, il mio amico e collega commerciante Saleh si ferma e beviamo caffè importato dallo Yemen , discutendo di commercio e altre notizie.

A mezzogiorno chiudo il negozio e mi dirigo ad Al-Aqsa per pregare Dhuhr. Dopo le preghiere pomeridiane dell’Asr, ho riaperto il mio negozio. Mentre gestisco l’intenso traffico pedonale, incontro il mio amico cristiano Elias. È uno scalpellino impegnato nei lavori di ristrutturazione della Chiesa del Santo Sepolcro. Nonostante le nostre diverse fedi, siamo uniti nell’identità come sudditi ottomani .

La sera torno a casa la sera. Incrocio la mia anziana vicina ebrea Rebecca mentre si affretta a incontrare la sua famiglia per lo Shabbat – ci salutiamo educatamente lungo la strada verso i nostri luoghi di culto – due sudditi ottomani che vivono in armonia. Una volta a casa, mi godo il tempo con la famiglia prima di una serata costituzionale.

Vita quotidiana per i gerosolimitani ottomani

Giorno di Elias (cristiano):

Sono Elias, un cristiano greco-ortodosso ottomano. Dopo la colazione con la mia famiglia, mi dirigo verso la Chiesa del Santo Sepolcro per iniziare i lavori. Mentre ripariamo la Tomba di Cristo, io e i miei colleghi artigiani chiacchieriamo allegramente nel nostro greco nativo.

A mezzogiorno spezzo il pane con gli altri artigiani cristiani. Ci ricordiamo a vicenda di mantenere la pazienza e la devozione che il nostro lavoro in questo luogo santo richiede. Dopo il pasto, torniamo al nostro lavoro: scalpellare, trasportare pietre e pulire secoli di fumo di candele dalle pareti.

Finalmente la sera torno per le strade trafficate verso il mio quartiere. Sento le campane della moschea, della chiesa e della sinagoga suonare armoniosamente al tramonto mentre le diverse fedi segnano la fine della giornata . Mi ricorda la diversità che può fiorire quando viene mantenuta la tolleranza, come è avvenuto sotto il dominio ottomano.

Giorno di Rebecca (Ebreo):

Sono Rebecca, una madre ebrea che vive nell’Impero Ottomano. Dopo aver preparato il pane challah per lo Shabbat, porto i miei figli al mikveh per il bagno rituale senza timore della discriminazione che subiscono gli ebrei in altri luoghi. Scambiamo i saluti con i vicini musulmani e cristiani, ugualmente sudditi ottomani secondo la legge .

Dopo essere tornato a casa, preparo la nostra cena di Shabbat. Mentre cucino, utilizzo le spezie acquistate da un commerciante greco ottomano che ha potuto trasferire la sua attività da Istanbul a Gerusalemme senza problemi. Quando accendo le candele del Sabato, dico un’ulteriore preghiera per la salute del Sultano, che ha esteso la protezione agli ebrei in tutti i suoi domini.