Sultano Mahmud II

Il sultano Mahmud II è uno dei più importanti sultani riformisti dell’impero ottomano, il cui regno fu testimone di molte decisioni importanti che cambiarono la forma dell’impero.

L’era del sultano Mahmud vide la perdita da parte dell’Impero Ottomano della Grecia e dell’Algeria, oltre alla ribellione del sovrano Muhammad Ali Pasha.

Sultano Mahmud II degli Ottomani 1

Il lignaggio e la famiglia del sultano Mahmud II

Il sultano Mahmud II appartiene alla famiglia ottomana, come il suo nome completo anche Erturgul Gazi:

Sultano Mahmoud II figlio di Abd al-Hamid I figlio di Ahmed III figlio di Muhammad IV figlio di Ibrahim I figlio di Ahmed I figlio di Muhammad III figlio di Murad III figlio di Salim II figlio di Solimano il Magnifico figlio di Selim I bin Bayazid II figlio di Muhammad Al-Fatih figlio di Murad II figlio di Muhammad I figlio di Bayazid I figlio di Murad I figlio di Orhan Gazi figlio di Osman figlio di Erturgul Gazi

Il sultano Mahmud II sposò 16 mogli:

  • Dilseza Kadın
  • Ali canab Kadın
  • Kamerfer Kadın
  • Nevfidan Kadın
  • Hoşyar Kadın
  • Aşubcan Kadın
  • Mislinayab Kadın
  • Nurtab Kadın
  • Bezmiâlem Sultan
  • Ebrureftar Kadın
  • Pervizifelek Kadın
  • Hüsnümelek Hanım
  • Pertevniyal Sultan
  • Tiryal Hanım
  • Zernigar Hanım
  • Lebrizifelek Hanım

La prima vita del sultano Mahmud II

Il principe Mahmoud II è nato il 20 luglio 1785, nel mese di Ramadan. Al sultano Abdul Hamid I e a sua moglie Nakshidil Sultan.

Il principe fu imprigionato nel palazzo dopo la morte di suo padre e il suo fratellastro Sultano Mustafa IV ordinò la sua esecuzione per disinnescare la ribellione.

Il sultano Mustafa IV cercò di assicurarsi il suo dominio presentandosi come l’unico erede della famiglia ottomana e quindi ordinò l’esecuzione dei suoi due fratelli, Mahmoud II e Selim III.

Ci fu una grande ribellione in cui i ribelli cercavano di attuare le riforme che il sultano voleva annullare.

Il sultano riuscì a giustiziare Selim III, ma il principe Mahmoud II riuscì a fuggire e a nascondersi, per poi ricomparire e deporre il sultano Mustafa con l’aiuto dei ribelli per prendere il potere.

Sultano Mahmud II

Il regno del sultano Mahmud II

Ribellione dei Giannizzeri

Il sultano Mahmud II salì al trono dell’Impero Ottomano nel 1808 all’età di 23 anni, e cominciò immediatamente a riformare l’esercito, come il Gran Visir, Mustafa Bayraktar, furono ordinati di riformare le forze dei Giannizzeri.

L’inizio del regno del sultano Mahmud II fu testimone di una grande rivolta dei giannizzeri per protestare contro il tentativo del sultano di organizzare le loro formazioni.

I giannizzeri tentarono di riportare al potere il sultano Mustafa IV, che si opponeva alle riforme: i giannizzeri incendiarono il palazzo del governo e uccisero il Gran Visir.

Il sultano dovette annullare le riforme in modo attualizzato dopo che i giannizzeri incendiarono Istanbul.

Giannizzeri

Eliminare i giannizzeri

Il sultano Mahmud II iniziò i tentativi di formare un esercito moderno simile agli eserciti europei, i giannizzeri si ribellarono a questa idea nelle strade della capitale.

Il sultano Mahmud II ordinò alle forze di Sipahi di attaccare i giannizzeri e di riportarli nelle loro caserme mentre il sultano raccoglieva il sostegno del pubblico per liberarsi dei giannizzeri.

Le forze di Sipahi riuscirono, insieme al popolo che odiava l’ingiustizia dei Giannizzeri e il loro incendio della capitale, a riportare i Giannizzeri nelle loro caserme.

In seguito, il sultano ordinò all’artiglieria di sparare sulla caserma dei Giannizzeri, uccidendo 4000 soldati.

Altri soldati furono uccisi nelle strade della capitale, i sopravvissuti fuggirono o furono imprigionati, e il Sultano confiscò tutte le loro proprietà, e i Giannizzeri furono completamente spazzati via.

Riforme militari

Il sultano Mahmud II introdusse molte riforme militari, le più importanti delle quali sono:

  • L’introduzione del sistema di assunzione obbligatoria
  • Invio di ufficiali in missione all’estero
  • Reclutamento di ufficiali dalla Prussia per addestrare le truppe
  • La riapertura della Scuola Navale e la costruzione di caserme per la Marina
  • Istituzione della Scuola Navale per Studenti Eccezionali
  • L’istituzione della nave Mahmudiye, che fu la più grande nave del mondo per molto tempo, poiché gestiva più di mille salieri e portava 128 cannoni.
  • L’introduzione di navi a vapore nella marina ottomana.
Nave ottomana Mahmudiyah
Nave ottomana Mahmudiyah

Riforme educative

Il sultano Mahmud II introdusse molte modifiche al sistema educativo, poiché istituì scuole elementari per insegnare il Sacro Corano, i principi della lingua araba e le lettere turche.

Il sultano istituì anche scuole secondarie per insegnare matematica, geografia e storia.

Il sultano migliorò anche la scuola di lingue, che fu fondata durante il regno del sultano Mustafa IV per diplomare i traduttori.

Durante il regno del sultano Mahmud II, l’impero ottomano inviò molte missioni educative a Parigi e Londra per imparare le arti e le scienze moderne, dove gli studenti erano accompagnati dall’ambasciatore del sultano che scriveva rapporti sul loro livello accademico.

Tra le riforme educative c’è la ristrutturazione della biblioteca Mahmudiyah a Medina.

Riforme sociali

Il regno del sultano Mahmud II fu testimone di cambiamenti nella società ottomana, poiché il sultano introdusse un abbigliamento che assomiglia a quello europeo e sostituì il turbante, diffuso come copricapo, con un fez.

Il fez era indossato dai sudditi dell’Impero Ottomano in Romania, poiché il Sultano obbligava gli impiegati statali civili e militari a indossare nuovi abiti nei loro posti di lavoro.

Sultano Mahmud II l'ottomano

La guerra saudita ottomana

Il regno del sultano Mahmud II fu testimone di una rivolta nell’Hijaz, poiché Abdullah bin Saud stabilì il primo stato saudita a Dir’iyah e riuscì a controllare la Mecca, Medina e Jeddah.

Il sultano ordinò al governatore dell’Egitto, Muhammad Ali Pasha, di eliminare il primo stato saudita.

L’esercito egiziano-ottomano sarebbe andato nell’Hijaz e avrebbe potuto restituire la Mecca e Medina al califfato ottomano.

La guerra ottomano-saudita continuò fino a quando l’esercito ottomano egiziano, guidato da Ibn Muhammad Ali Pasha, arrivò nella capitale, Dir’iya, e Abdullah bin Saud al-Kabir si arrese.

Muhammad Ali Pasha mandò Saud a İstanbul per essere giustiziato con una fatwa dello sceicco dell’Islam per il suo allontanamento dal sovrano e la sua disobbedienza.

Indipendenza della Grecia

La guerra greco-ottomana scoppiò durante il regno del sultano Mahmud II, quando i greci si rivoltarono con l’appoggio dei paesi europei.

Il sultano Mahmoud II ordinò al governatore dell’Egitto, Muhammad Ali Pasha, di inviare truppe per sopprimere la rivoluzione.

Il governatore d’Egitto inviò 17 mila soldati egiziani in Grecia per aiutare l’impero ottomano.

I soldati egiziani e ottomani si incontrarono con le marine egiziana e ottomana, poiché l’alleanza riuscì a sconfiggere la ribellione greca.

Russia, Francia e Inghilterra si unirono in un’alleanza che mirava a separare la Grecia dall’Impero Ottomano, mentre la Francia preparava un esercito di terra che riconquistò la Grecia dalle forze di Muhammad Ali Pasha.

Inoltre, le flotte dell’alleanza europea distrussero le flotte egiziana e ottomana nella battaglia di Navarino.

Forze ottomane

Occupazione dell’Algeria

La Francia ha approfittato della debolezza dell’impero ottomano dopo aver distrutto gran parte della sua flotta navale nella battaglia di Navarino per sotto la giurisdizione di Algeri.

Lo stato ottomano non era in grado di difendere l’Algeria a causa della distanza e della mancanza di forze navali per trasportare attrezzature e soldati.

Guerra Egizio-Ottomana

Muhammad Ali Pasha, il governatore dell’Egitto, voleva rovesciare l’impero ottomano e sostituirlo con un impero alawita, poiché il governatore approfittava della debolezza dell’impero ottomano dopo la sconfitta della Grecia e della Francia in Algeria.

Muhammad Ali Pasha riuscì a controllare il Levante dopo la sconfitta dell’esercito ottomano, e poi avanzò verso le montagne del Tauro e poi in Anatolia fino a raggiungere la città di Konya.

La ribellione del governatore terminò dopo l’intervento dei paesi europei e della Russia, poiché questi paesi conclusero un trattato di difesa con l’Impero Ottomano.

La guerra divampò di nuovo alla fine del regno del sultano Mahmud II, poiché la battaglia di Nezib fu una delle battaglie più importanti che Muhammad Ali Pasha vinse nel 1839.

Muhammad Ali Pasha

La morte del sultano Mahmud II

Il sultano Mahmud II morì di infezione da tubercolosi nel 1839 dove fu trasferito in uno dei sobborghi di Istanbul all’ospedale in cui morì in un cinquantesimo – quarto del vecchio successore di suo figlio il sultano Abdul Majid.