/ 

Ferrovia dell Hegiaz

La Ferrovia dell Hegiaz è una delle conquiste più importanti dell’era del sultano Abdul Hamid II e dell’Impero ottomano, che ha contribuito a collegare le parti dell’impero insieme, poiché la ferrovia Hijaz ha ridotto il tempo di viaggio alla Mecca e Medina da 50 giorni a soli 5 giorni.

L’obiettivo principale dellaFerrovia dell’Hegiaz era collegare la capitale del califfato islamico “Istanbul” con Medina e il resto dell’Impero Ottomano, per facilitare il movimento di pellegrini e viaggiatori tra le parti dell’impero.

 La ferrovia dell'Hejaz

Storia della Ferrovia dell Hegiaz

L’idea della ferrovia Hijaz iniziò a prendere forma per la prima volta nel 1864 durante l’era del sultano Abdul Aziz il Primo, ma il progetto dovette affrontare molte difficoltà ingegneristiche e tecniche che ne ritardarono l’attuazione.

Quando il sultano Abdul Hamid II ha assunto il trono dell’Impero Ottomano, il Sultano era desideroso di promuovere l’idea di una “unità islamica” collegando gli stati ottomani con la ferrovia Hejaz.

Nel 1900, il Sultano diede l’ordine di avviare il processo di istituzione della Nuova Ferrovia Hijaz, dove affidò l’incarico di costruzione ad Ahmed Izzat Pasha Al-Abed.

L’idea di stabilire il progetto includeva la costruzione di una rete ferroviaria che collegasse la ferrovia dell’Anatolia e la ferrovia di Baghdad, all’Hijaz e al Levante, in modo che i viaggiatori alla fine potessero viaggiare direttamente da Istanbul a Medina e Mecca.

L’idea includeva la creazione di una linea telegrafica lungo la ferrovia, al fine di facilitare il processo di comunicazione tra le province dell’Impero Ottomano.

Il sultano ha deciso che la ferrovia dell’Hegiaz “che sarà collegata alla ferrovia dell’Anatolia” inizierà a Damasco, passando per Amman in Giordania, Tabuk e Mada’in Saleh, raggiungendo Medina, a condizione che Medina sia collegata alla Mecca e da lì al porto di Jeddah.

Hejaz Train

L’obiettivo di stabilire la Ferrovia dell Hegiaz

C’erano molti obiettivi dietro l’istituzione della Ferrovia Hegiaz. Gli obiettivi possono essere suddivisi come segue:

Religioso

L’obiettivo principale della creazione della Ferrovia dell’Hegiaz era servire i pellegrini musulmani fornendo un modo di viaggiare sicuro, veloce e conveniente, oltre a proteggere i pellegrini da banditi e condizioni di viaggio pericolose.

Il progetto mira anche ad aumentare il numero di pellegrini disposti a svolgere l’Hajj, poiché il treno Hejaz porterà a una significativa diminuzione dei costi dell’Hajj, che aumenterà il numero di arrivi alla Mecca.

La Mecca nell'era ottomana

Economico

Ferrovia dell Hegiaz ha molti vantaggi economici ottenendo un enorme rinascita commerciale per le città del Levante e dell’Hejaz situate lungo la linea ferroviaria, poiché la ferrovia contribuirà al trasporto di prodotti agricoli e industriali in altre regioni in modo rapido ed efficiente.

Inoltre, il collegamento della Ferrovia dell’Hegiaz al porto di Jeddah, previsto, porterà a una significativa ripresa del commercio a Jeddah, considerato uno dei porti più importanti del Mar Rosso in quel periodo.

L'economia ottomana, la ferrovia dell'Hejaz

Militare

Uno dei vantaggi più importanti della Ferrovia dell’Hegiaz sono i vantaggi militari, poiché il treno facilita i movimenti militari e il trasporto di soldati e attrezzature rapidamente in tutto l’impero in generale.

Il trasporto di truppe e attrezzature belliche su treno è stato pianificato per dare un forte contributo alla protezione dell’Hejaz, della Mecca, della Madinah e dello Yemen da attacchi esterni.

Politico

Il sultano Abdul Hamid II mirava a garantire l’indipendenza dello stato ottomano dall’Europa e a unificare i ranghi dei musulmani attraverso l’idea dell’Unità islamica, che cerca di respingere il fanatismo nazionale ed etnico per affrontare le ambizioni dei paesi imperialisti e coloniali contro il Stato ottomano.

Il Sultano mirava a stabilire il treno Hejaz per collegare le province dello stato tra loro e migliorare il movimento dei trasporti, il che conferisce ai cittadini dell’Impero Ottomano un vero senso di lealtà in quanto dimostra che l’impero si prende cura di tutte le province senza discriminazioni.

La ferrovia dell'Hejaz

Finanziamento del progetto ferroviario Hejaz

Il progetto della ferrovia Hejaz era molto costoso, poiché il budget del progetto ammontava al 18% del budget totale dell’Impero Ottomano, a circa 4 milioni di lire ottomane.

Il costo del progetto è di circa 30.000 chilogrammi d’oro, secondo i calcoli approssimativi odierni.

Il sultano Abdul Hamid II voleva attuare il progetto senza prendere in prestito dall’estero, poiché lo stato era gravato da molti debiti oltre ai debiti dei progetti delle Ferrovie Anatoliche e di Baghdad.

Il Califfo ha fatto appello al mondo islamico affinché doni per completare il progetto, poiché la campagna di donazioni è stata lanciata nel maggio del 1900 con una donazione speciale dalla tasca del sultano Abdul Hamid II per un importo di 350mila sterline ottomane , e la Khedive d’Egitto Abbas Helmy II ha donato materiali da costruzione.

Oltre al Sultano, i pascià dello stato, i dipendenti, i mercanti, i soldati e tutti i musulmani di tutto il mondo islamico hanno donato ingenti somme di denaro.

Le pelli sacrificali a Kurban Bayram furono raccolte e vendute e il loro prezzo fu trasferito per finanziare il bilancio ferroviario, oltre a detrarre il 10% degli stipendi dei dipendenti statali per contribuire alla costruzione della ferrovia.

Lo stato ha anche emesso francobolli da pagare nelle transazioni governative per restituire le sue entrate per finanziare il progetto, oltre a una tassa di cinque Kuruş su tutti i maschi.

Le donazioni coprivano circa i due terzi del costo totale per la creazione del progetto ed era una delle campagne di donazioni di maggior successo in quel momento, con una forte partecipazione e slancio.

La valuta della lira ottomana del sultano Abdul Hamid

L’istituzione del treno Hejaz

I lavori di costruzione e costruzione iniziarono ufficialmente il 1 maggio 1900 e il processo di costruzione della linea ferroviaria tra Damasco e Daraa iniziò il 1 settembre dello stesso anno in una cerimonia che segnava il 25 ° anniversario dell’arrivo al potere del sultano Abdul Hamid II.

Il lavoro di ingegneria era diretto da un ingegnere tedesco che lavorava sotto la sua guida 34 ingegneri tedeschi e ottomani oltre a ingegneri italiani, francesi e belgi.

L’occupazione dipendeva principalmente dai soldati dell’esercito ottomano, poiché il numero di lavoratori era stimato tra i 5 ei 7mila soldati ottomani e alcuni volontari provenivano da altri stati.

Il numero di soldati che lavorano stabilmente sulla linea ferroviaria ha raggiunto i 6mila soldati, oltre a 200 ingegneri.

Per risparmiare le spese, lo stato ha deciso di dare ai soldati uno stipendio basso e di compensare questo con una riduzione di 1 anno del periodo di coscrizione per un reclutatore che partecipa ai lavori di costruzione.

Nel 1903, la ferrovia Hejaz raggiunse Amman e poi a Maan nel 1904, e il primo viaggio in treno tra Damasco e Maan decollò nel 1905.

La Ferrovia dell Hegiaz raggiunse Medina il 31 agosto 1908, quando la linea fu stabilita a Medina con soli lavoratori e ingegneri musulmani, senza la partecipazione di ingegneri tedeschi, in considerazione della santità del santuario.

Bulding Hejaz ferrovia

Difficoltà che hanno dovuto affrontare la ferrovia dell’Hejaz

La Ferrovia dell Hegiaz ha affrontato molti ostacoli, il più importante dei quali è stata la scarsità d’acqua nell’Hijaz. Questo problema è stato risolto perforando pozzi e utilizzando pompe aria e vapore.

Alcune parti della ferrovia sono state utilizzate dopo il completamento per fornire serbatoi d’acqua.

C’era anche un problema enorme, un’alluvione, dove si formò una crisi durante la costruzione e le operazioni, spingendo lo stato a stabilire banche per Sowell lungo la linea.

Allo stesso modo, c’era il problema dello spostamento della sabbia, che gli ingegneri ottomani superarono coprendola con uno strato di argilla, oltre a costruire una diga in pietra parallela alla linea.

Stazioni ferroviarie di Hejaz

C’erano molte stazioni sul treno Hejaz, poiché la distanza tra le stazioni era vicina ai 20 chilometri, e talvolta inferiore.

Lo scopo delle brevi distanze tra le stazioni era quello di preservare la Ferrovia dell Hegiaz protetta oltre a stabilire centri urbani per il riposo e l’approvvigionamento idrico, poiché c’erano una stazione di pozzo e un serbatoio per preservare l’acqua.

Stazione di Damasco

Una delle stazioni principali della ferrovia Hejaz, poiché il suo design è stato ispirato dall’architettura andalusa.

Stazione di Damasco, linea Hijaz

Stazione di Amman

Una delle stazioni più importanti della Ferrovia Hegiaz si trova a 222 km dalla stazione di partenza principale di Damasco, e comprende 5 linee secondarie, un operatore per la manutenzione di locomotive e camion, oltre agli uffici amministrativi.

Stazione di Tabuk

È considerata una delle stazioni principali ed è composta da 13 edifici su un rettilineo parallelo al binario, dove è stata realizzata la stazione su un’area di circa 80mila metri quadrati.

Stazione di Madain Saleh

La stazione di Mada’in Saleh occupava una posizione strategica, poiché conteneva un’officina per la riparazione di motori, oltre a magazzini ed edifici per le guardie, alloggi per i dipendenti, servizi igienici e servizi igienici.

Stazione di Madinah

L’ultima stazione della ferrovia Hejaz, che è stata costruita con un design architettonico unico, contiene un magazzino con una capacità di 12 locomotive a vapore e include il più grande serbatoio d’acqua lungo la linea.

La stazione dista solo 1 km dalla Moschea del Profeta e la linea è stata ufficialmente inaugurata nel 1908. Attualmente, l’edificio della stazione funziona come un museo con il nome di “Hejaz Railway Museum”.

 Stazione di Al-Madinah Al-Munawarah, ferrovia Hejaz

Ponti della ferrovia di Hejaz

Sono stati costruiti circa 2000 ponti di varie dimensioni lungo la linea ferroviaria Hejaz. Rocce locali e rocce granitiche sono state utilizzate nella loro realizzazione a causa della difficoltà di trasporto e importazione di calcestruzzo.

I ponti sono stati costruiti sotto forma di archi, e il più famoso di questi ponti sono i ponti grezzi situati a est di Amman, la capitale della Giordania.

Ponti della ferrovia di Hejaz

Treni e vagoni della linea Hijaz

Molte compagnie diverse costruirono i treni ferroviari Hejaz, le più importanti delle quali furono le compagnie tedesche “Zaksishi Machinfabrik”, “August Borsik” e “Arnold Young Locomotive Fabric”.

La Ferrovia dell Hegiaz aveva 132 locomotive e 1.700 carrozze e molte auto sono ancora in servizio fino ad oggi alla stazione di Al-Qadam.

Sono state aggiunte locomotive diesel e sono ancora in funzione, insieme ad alcuni treni a vapore che sono stati costruiti con l’inizio dell’implementazione ferroviaria.

Comprendeva carrozze ferroviarie Hejaz, luoghi per le abluzioni e una sala di preghiera, oltre a posti dove mangiare.

Carrozze ferroviarie Hejaz

La cerimonia di apertura Ferrovia dell Hegiaz

Il ventiduesimo di Rajab, 1326 AH, corrispondente al 23 agosto 1908 d.C., il primo treno arrivò da Damasco a Medina dopo aver percorso la distanza in soli 5 giorni.

La cerimonia di apertura fu posticipata di una settimana dopo l’arrivo del primo treno in coincidenza con il ricordo del sultano Abdul Hamid II seduto sul trono dell’Impero Ottomano, in modo che la cerimonia si sarebbe svolta il primo settembre del 1908.

La cerimonia di apertura è stata accompagnata dall’illuminazione della Medina con l’elettricità per la prima volta, poiché il califfo dei musulmani, Abdul Hamid II, aveva ordinato l’illuminazione della Moschea del Profeta il giorno dell’inaugurazione, mentre le linee dell’elettricità e del telegrafo si estendevano lungo il linea ferroviaria.

Medina divenne dopo quella data un governatorato indipendente direttamente collegato all’interno ottomano per la sua importanza.

Sultan Abdul Hamid Hijaz Railway

Il periodo di lavoro della ferrovia Hejaz

La Ferrovia dell Hegiaz ha influenzato notevolmente gli stati in cui è stata stabilita e il suo uso non era limitato ai soli musulmani, poiché ai non musulmani era consentito utilizzare tutte le stazioni, ma l’accesso a Medina era vietato ai non musulmani.

La linea era inizialmente in grado di trasportare 30mila pellegrini all’anno, fino a quando il numero nel 1914 d.C. raggiunse i 300mila pellegrini all’anno, con 3 voli settimanali da Medina a Damasco.

La linea è stata utilizzata anche per il trasporto di denaro, soldati e merci tra regioni e stati, il che ha determinato un boom economico.

Gli orari e le ore di movimento del treno corrispondevano ai tempi di preghiera, poiché i viaggi in treno facevano attenzione a non disturbare i tempi di preghiera, poiché il treno Hejaz si ferma durante l’orario di preghiera, in modo che i passeggeri si dirigano verso l’auto designata per la preghiera.

Il treno Hejaz ha ridotto il tempo di viaggio tra Damasco e Medina da 40 giorni a soli 5 giorni, poiché il treno impiegava in realtà solo 72 ore, ma la frequente fermata del treno nelle stazioni oltre al cambio delle locomotive richiedeva altri due giorni .

La città di Haifa acquisì grande importanza sulla ferrovia Hejaz e la linea contribuì anche alla stabilità delle tribù beduine, che iniziarono a formare comunità urbane attorno alla ferrovia.

La linea continuò ad operare fino al 13 di Jumada Al-Awwal 1336 AH, corrispondente a mercoledì 18 settembre 1918, quando l’ultimo volo che aveva raggiunto la città fu guidato dal capitano Mahboob Ali Al-Husayni Al-Madani.

La Ferrovia dell Hegiaz ha servito i sudditi dell’Impero Ottomano, musulmani e pellegrini per 10 anni, durante i quali le città situate sulla linea hanno assistito a grande prosperità e il viaggio Hajj è stato facilitato riducendo il tempo e le difficoltà per i pellegrini.

Ferrovia di Hejaz

Distruzione Ferrovia dell Hegiaz

Con l’inizio della prima guerra mondiale, e con una decisione dell’Ufficio arabo del ministero degli Esteri britannico, Sharif Hussein annunciò l’insurrezione araba, che contribuì notevolmente al sabotaggio e alla distruzione della ferrovia dell’Hejaz.

L’agente britannico “Lawrence” fornì ai ribelli meccanismi distruttivi e minerari che potevano usare per distruggere i binari, i ponti e le gallerie per tagliare i rifornimenti alle forze ottomane assediate a La Mecca e Medina.

I ribelli distrussero la linea ferroviaria per assediare le forze ottomane all’interno di Medina sotto la guida di Fakhr al-Din Pasha, dove l’insurrezione assediò Medina per due anni e 7 mesi, considerato uno dei periodi di assedio più lunghi della storia moderna.

Le forze ribelli che cooperano con gli inglesi hanno anche fatto saltare le linee telegrafiche, che hanno impedito i mezzi di comunicazione tra i soldati ottomani e le tribù arabe alleate con loro e il resto dello stato.

Il governo ordinò a Fakhr al-Din Pasha di arrendersi a causa dello sfondo della sconfitta dell’Impero Ottomano nella prima guerra mondiale, ma si rifiutò di obbedire e continuò a difendere Medina per tutto il periodo dell’assedio fino a quando la fame e la malattia non si intensificarono sul suo soldati che lo convinsero ad arrendersi e lo portarono con la forza alla tenda che era pronta a firmare la resa, dove Fakhr al-Din Pasha lasciò Medina con tristezza e grande dolore.

Alcune organizzazioni sioniste hanno sabotato parti Ferrovia dell Hegiaz anche in Palestina durante la seconda guerra mondiale per isolare ulteriormente la Palestina dalle aree circostanti.

Fatti sulla ferrovia dell’Hegaz

  • C’erano vagoni di preghiera all’interno del treno.
  • Gli orari dei treni tenevano conto dei tempi di preghiera.
  • La ferrovia Hejaz ha accorciato il viaggio tra Damasco e Medina da 40 giorni a 5 giorni.
  • Le ferrovie raggiunsero la prosperità in molte delle città che attraversarono.
  • La costruzione del treno Hejaz è costata circa 30.000 chilogrammi d’oro.
  • La ferrovia Hejaz, al suo apice, trasportava 300.000 pellegrini all’anno.
  • I non musulmani usavano la ferrovia, ma era loro vietato entrare nella stazione di Medina.
  • La linea doveva essere associata alla linea di Baghdad, Anatolia e Istanbul per caratterizzare l’intero stato ottomano.
  • Nella prima guerra mondiale, i ribelli hanno sabotato la ferrovia.

Quando è stata fondata la ferrovia Hejaz?

I lavori di costruzione iniziarono il 1 maggio 1900, su ordine del sultano Abdul Hamid II.

Perché è stata fondata la ferrovia Hejaz?

La linea è stata istituita per molti scopi, in particolare per servire i pellegrini e ridurre i tempi di viaggio alla Mecca e alla Medina, oltre a realizzare una rinascita economica e trasportare attrezzature militari per proteggersi da eventuali attacchi.

Chi ha sabotato la ferrovia dell’Hejaz?

Su ordine dell’Ufficio arabo del ministero degli Esteri britannico e con il supporto della spia Lawrence, i ribelli hanno sabotato e distrutto la linea ferroviaria dell’Hejaz.