/  / 

Palestina ottomana

La Palestina ottomana visse per un lungo periodo di quasi 400 anni sotto il dominio dell’Impero Ottomano, dove la Palestina fu testimone di armonia e relativa pace per lungo tempo.

La Palestina entrò sotto il dominio ottomano nel 1516, e continuò fino alla prima guerra mondiale, e vide un grande interesse da parte dei sultani ottomani.

Palestina ottomana

Sulla Palestina ottomana

La Palestina, sotto il dominio ottomano per 400 anni, ha assistito alla più grande era di prosperità e pace. L’amministrazione ottomana ha sempre attribuito grande importanza all’amministrazione della Palestina, che comprende Gerusalemme, considerata la terza città santa dell’Islam dopo Medina e La Mecca.

L’Impero ottomano perseguì una politica che garantisse la libera pratica religiosa nei luoghi santi. Inoltre, gli ottomani furono attenti a non interferire con la libertà di pratica tra le varie sette e le sette religiose.

L’Impero ottomano non rinunciò ai suoi sforzi per mantenere la pace e la stabilità in Palestina con tutti i mezzi necessari, amministrativi, militari o economici.

La conquista ottomana della Palestina

La Palestina entrò sotto il dominio dell’Impero Ottomano dopo la battaglia di Marj Dabiq, durante il regno del sultano Selim I, dopo la sconfitta dei Mamelucchi.

Anche il sultano Solimano il Magnifico completò la conquista dell’area intorno alla Palestina. I primi atti dell’Impero ottomano dopo la conquista della Palestina furono:

  • Ricostruire le mura del complesso della Moschea di Al-Aqsa per proteggere i luoghi santi
  • Ristrutturazione e restauro della Cupola della Roccia
  • Restauro della tomba di Davide

Lo status della Palestina nell’era ottomana

Divisione amministrativa

Durante il periodo ottomano, la terra di Palestina fu divisa in diversi sanjak, vale a dire:

  • Sangiaccato di Al-Quds Al-Sharif
  • Distretto di Beersheba
  • Sanjak Gaza
  • Distretto di Hebron
  • Sangiaccato di Nablus
  • Distretto di Giaffa
  • Distretto di Nazaret

La divisione amministrativa della Palestina ottomana cambiò nel corso della storia, poiché la divisione generalmente si stabiliva in due parti, la Palestina settentrionale sotto il governo del governatore di Beirut e la Palestina meridionale sotto il governo del governatore di Gerusalemme.

Nel 1887, per ordine del sultano Abdul Hamid II, che sentiva l’avidità delle grandi potenze di controllare la Palestina, Gerusalemme fu trasformata in un governatorato direttamente affiliato al centro dell’Impero ottomano.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Mappa della Gerusalemme Mutasarrifah durante l’Impero Ottomano

Le mappe mostrano i confini del Mutasarrifate di Gerusalemme e la sua sovrapposizione con la Provincia del Levante, e con il Mutasarrifate di Beirut e il Sangiaccato di Siria.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Confini della Gerusalemme Mutasarrifah in epoca ottomana con l’Egitto

Demografia della Palestina ottomana

Gli arabi musulmani costituivano la maggioranza della popolazione della Palestina ottomana, poiché secondo il censimento del 1880, l’87% della popolazione della Palestina erano arabi musulmani.

La maggior parte dei musulmani in Palestina nell’era ottomana erano sunniti, e anche drusi e sciiti abitavano la Palestina in quel momento.

L’economia della Palestina nell’era ottomana dipendeva in gran parte dall’agricoltura, poiché le terre demaniali venivano date ai contadini di cui prendersi cura.

Le terre passarono da una generazione all’altra, fino a quando nel 1858 fu emanata la Legge sulla Terra per concedere agli abitanti della Palestina ottomana atti di proprietà per le loro terre che determinano la proprietà di ogni individuo.

Cristiani ed ebrei che vivevano in Palestina a quel tempo erano principalmente impegnati nel commercio e vivevano nelle città.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Moschea di Al-Aqsa nell’era dell’Impero Ottomano

Minoranze religiose nella Palestina ottomana

Gli ottomani hanno mostrato tolleranza per le persone di altre religioni in Palestina, poiché il sultano Selim I ha emesso un decreto dopo la conquista della Palestina che concede i diritti ai cristiani che vivono a Gerusalemme per mantenere le chiese e i monasteri e per preservare i loro soldi e le loro vite in conformità con l’Assicurazione di Umar.

L’Impero ottomano ha lavorato perfettamente per mantenere la pace a Gerusalemme, poiché sultani e governatori sono intervenuti in modo permanente per risolvere le controversie tra cattolici, ortodossi, greci, armeni, russi, copti.

Sotto il dominio dell’Impero ottomano, tutte le confessioni cristiane vivevano in armonia e ordine stabile.

Gli ottomani istituirono un sistema del sistema “Millet”, che forniva status legale e libertà ai vari elementi della società palestinese.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Cristiani nella Palestina ottomana

L’armonia in Palestina sotto il dominio ottomano non si limitava solo a musulmani e cristiani, ma anche gli ebrei vivevano sotto la giustizia dell’Impero ottomano, come mostrano molte situazioni.

I documenti dell’archivio ottomano mostrano che l’Impero ottomano ha facilitato il restauro di una sinagoga e la sua espansione per costruire un tempio più grande.

L’armonia tra tutte le parti della società palestinese è continuata fino al regno del sultano Abdul Hamid II, quando il movimento sionista ha cercato di portare un enorme cambiamento demografico in Palestina, incoraggiando l’immigrazione di ebrei in gran numero da tutti i paesi del mondo nel desiderio di stabilire uno stato indipendente entro i confini dello stato ottomano.

Il sultano Abdul Hamid II adottò molte misure per proteggere la pace e l’armonia esistenti da 400 anni a Gerusalemme, poiché il sultano emanò molti decreti per prevenire la massiccia immigrazione di ebrei volti a cambiare la struttura sociale della Palestina ottomana.

Furono introdotte diverse leggi per impedire l’immigrazione degli ebrei in Palestina.

Nonostante il desiderio dei paesi europei di controllare la Palestina durante l’era del sultano Abdul Hamid II, ciò non influì sulla minoranza cristiana di Gerusalemme, poiché il sultano trattò i cristiani di Gerusalemme e della Palestina in generale, con lo stesso trattamento tollerante dei suoi antenati .

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
minoranze ebraiche nella Palestina ottomana

Gli Archivi Ottomani hanno pubblicato un documento che il sultano Abdul Hamid II ha inviato alla Chiesa di Betlemme durante le celebrazioni del nuovo anno, augurando felicità e sicurezza ai cristiani di Palestina.

La presenza ebraica nella Palestina ottomana

L’amministrazione ottomana riconobbe la presenza ebraica nella Palestina ottomana e permise loro di emigrare di tanto in tanto. Secondo i documenti storici.

La comunità ebraica nella Palestina ottomana era composta da ebrei sefarditi, che si erano in gran parte amalgamati con la popolazione locale, e da ebrei ashkenaziti, che arrivavano in città che consideravano sacre.

Pochi ebrei ashkenaziti vivevano di commercio, la maggior parte di loro sopravviveva grazie a donazioni provenienti da ebrei di tutto il mondo.

La situazione degli ebrei in Palestina cambiò dopo l’emergere del movimento sionista, che mirava a monopolizzare la Palestina ottomana solo per gli ebrei ea stabilire uno stato proprio.

Il sultano Abdul Hamid II concesse il permesso agli ebrei perseguitati nel mondo di stabilirsi nelle terre ottomane, ad eccezione della Palestina.

L’Impero ottomano prese molte misure in quel momento per combattere il sionismo, le più importanti delle quali furono:

  • Divieto agli ebrei di acquistare terreni
  • Concessione del permesso temporaneo ai visitatori di Gerusalemme per il pellegrinaggio
  • L’imposizione dei visti
Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana

Palestina ottomana e sionismo

Il movimento sionista, guidato da Theodor Herzl, all’inizio si concentrò sulla comunicazione con l’Impero ottomano e sul tentativo di stabilire una casa nazionale per gli ebrei in Palestina.

Il sionismo inizialmente offrì allo stato di acquistare la Palestina per un importo di 150.000 chilogrammi d’oro, a cui si oppose categoricamente il sultano Abdul Hamid.

Il sultano Abdul Hamid è stato un ostacolo di fronte al movimento sionista per il controllo della Palestina ottomana, fino al suo licenziamento, poiché il sultano ha accusato il sionismo di lavorare per metterlo sotto accusa, soprattutto perché c’era una persona ebrea nella delegazione che lo ha informato del suo impeachment da la posizione del Califfato islamico e del Sultanato, dove il Sultano espresse la sua sorpresa che ci fosse un ebreo in questa situazione.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Minoranze religiose in Palestina in epoca ottomana

Dopo che il sultano Abdul Hamid fu messo sotto accusa e l’Associazione dell’Unione e del progresso salì al potere, il nuovo governo iniziò a tollerare il sionismo, poiché rimuoveva molte delle restrizioni imposte dal sultano dal divieto di acquistare terreni e visti.

L’approccio indulgente non durò a lungo, poiché con la diffusione dei movimenti separatisti in tutto l’Impero ottomano, l’Unione e il Progresso iniziarono a considerare con sospetto gli sforzi pianificati dal sionismo per colonizzare la Palestina.

Il governo dell’Unione e del progresso ha nuovamente introdotto restrizioni all’immigrazione nella Palestina ottomana per non consentire l’emergere di un nuovo movimento separatista.

I tentativi sionisti di controllare le terre della Palestina aumentarono, quando fu istituito il Fondo Nazionale Ebraico per finanziare acquisizioni di terre.

Il governo centrale ottomano non poteva impedire questi sviluppi e il movimento dell’immigrazione sionista nella Palestina ottomana aumentò.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Palestina nell’era ottomana

La fine del dominio dell’Impero Ottomano in Palestina

Durante la prima guerra mondiale, le potenze europee, che erano contrarie all’alleanza ottomano-tedesca, iniziarono ad incitare gli elementi non turchi e non musulmani nelle terre ottomane, in particolare i sionisti, contro l’autorità dello stato.

L’Impero ottomano perse la battaglia di Magdhaba, la battaglia di Rafah e la battaglia di Beersheba, che pose fine al dominio ottomano in Palestina e nel Levante.

L’area fu occupata dalle forze alleate provenienti dall’Egitto nella parte meridionale della Palestina nel 1917 durante la prima guerra mondiale sotto la guida del maresciallo Allenby.

Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana
Soldati ottomani a Gerusalemme

Il maresciallo Allenby parlò al popolo dopo l’occupazione di Gerusalemme e disse che le crociate erano finite adesso, così che il dominio ottomano a Gerusalemme finiva e la Palestina sarebbe entrata in uno stato di conflitto permanente e instabilità da quella data.

La Gran Bretagna, dopo la sua occupazione della Palestina, attuò la Dichiarazione Balfour e incoraggiò una massiccia immigrazione di ebrei sionisti in Palestina.

Il primo sovrano britannico di Gerusalemme ha commentato questa situazione, dicendo:

L’amministrazione militare ha violato il principio dello “status quo” nella questione sionista. La Palestina era uno stato appartenente allo stato musulmano ottomano e la grande maggioranza dei suoi abitanti erano arabi. In base allo Status Quo avevamo il diritto (e le istruzioni) di imprimere a coloro che desideravano riforme immediate che eravamo qui solo come governo militare e non come riorganizzazione civile. La nostra procedura logica sarebbe stata quindi quella di amministrare il territorio come se fosse stato l’Egitto o qualsiasi altro paese con importanti minoranze; rendendo l’inglese la lingua ufficiale, e fornendo traduzioni in arabo e interpreti, e trattando gli ebrei residenti, europei, armeni e altri come sarebbero stati trattati in Egitto.

Ronald Storrs
Moschea di Al-Aqsa in epoca ottomana

Documenti sulla Palestina ottomana

Il dipartimento degli archivi di stato turco ha emesso circa 500 documenti dagli archivi ottomani che coprono aspetti della vita amministrativa, sanitaria, sociale e religiosa, la sicurezza, la cura degli edifici sacri, la presenza ebraica in Palestina, l’istruzione e la vita sociale e la protezione del carattere culturale della Palestina.